CODRI EARTHQUAKE

Chi l'ha detto che un evento così terrificante e devastante come un terremoto deve necessariamente evocare dimensioni cupe e tristi? Il progetto 'Codri Earthquake', della giovane artista moldava Victoria Stoian, recentemente presentato presso la galleria Alberto Peola di Torino, è un omaggio dai tratti multicolor ma al contempo intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con un colpo secco cambia linee, colori e vite.

 

platform green victoria stoian terremoto earthquake
			moldavia alberto peola catastrofe naturale 4

Victoria Stoian, Codri Earthquake 44', 2015, cm 90 x 140, acrilico su tela. Courtesy Galleria Alberto Peola, Torino

Come recita il titolo del progetto, le opere rappresentano il caos e l'instabilità prodotti dalla catastrofe naturale, in particolare dal terremoto che colpì la Moldavia nel 2011. Di quell'esperienza, che ha coinvolto la sua famiglia, l'artista ricorda: «Quel 25 agosto alle 04:30 del mattino si verificò un violento terremoto di magnitudo 7,5 con epicentro a breve distanza da Chișinău, dove sono nata e cresciuta. Due onde sismiche si sono succedute per una durata di 52 secondi: migliaia di persone senza riparo, linee elettriche, strade e ferrovie distrutte; dighe rotte e villaggi allagati con fuoriuscita di sostanze tossiche. Le Codri, le foreste più grandi della Moldavia, sono state gravemente danneggiate da questo evento'.

 

platform green victoria stoian terremoto earthquake
			moldavia alberto peola catastrofe naturale 1

platform green victoria stoian terremoto earthquake
			moldavia alberto peola catastrofe naturale 3

In ordine dall'alto: Victoria Stoian, Codri Earthquake 46', 2014, cm 170 x 150, acrilico su tela; Codri Earthquake 42', 2014, cm 185 x 115, acrilico su tela; Codri Earthquake 43', 2015, cm 200 x 300, acrilico su tela. Courtesy Galleria Alberto Peola, Torino

Come ha scritto Clara Sofia Rosenberg, 'il mondo organico che emerge da questo repertorio visivo rimanda alla vitalità della natura - dal magma terrestre a correnti marine e paesaggi abissali - e all'immaginario anatomico - dalla riproduzione cellulare a filamenti, globuli e terminazioni nervose. Attraverso un soggetto fortemente autobiografico l'artista riesce ad affrontare temi collettivi, come il terremoto o la migrazione, che riguardano il rapporto degli esseri umani con la storia e con il territorio, in una ricerca che crea uno spazio di condivisione aperto e flessibile'.
Le opere già realizzate ed eposte costituiscono solo una parte di un work in progress composto da 52 opere che completeranno nel tempo il progetto, ognuna delle quali corrisponde a un'unità di tempo specifica del terremoto: il secondo. 52 secondi è infatti l'esatta durata del terremoto che ha devastato il territorio moldavo.

 

platform green victoria stoian terremoto earthquake
			moldavia alberto peola catastrofe naturale

In ordine: Victoria Stoian, Codri Earthquake 8', 2015, cm 90 x 80, acrilico su tela; Codri Earthquake 23', 2015, cm 75 x 70, acrilico su tela. Courtesy Galleria Alberto Peola, Torino

Victoria Stoian, artista, Codri Earthquake, mostra, alberto peola, studio la citta, pittura, terremoto

Il progetto 'Codri Earthquake', della giovane artista moldava Victoria Stoian, recentemente presentato presso la galleria Alberto Peola di Torino, è un omaggio dai tratti multicolor ma al contempo intimo e sofferto alla biografia di un popolo e alla feroce bellezza della natura che con un colpo secco cambia linee, colori e vite.